Quali sono le cose che fanno stare bene? Beh, in generale ognuno di noi ha le sue preferenze. Ma ci sono alcuni oggetti che bisognerebbe evitare di tenere in casa o al lavoro.

Per quale motivo?

Perché hanno la funzione di bloccare l’energia o addirittura renderla negativa. Possiamo definirli in modo un po’ azzardato“oggetti vampiri”, intendendo con questo termine che ci lasciano spossati e infelici (come le persone che “vampirizzano”).

Ma quali sono queste cose? Facciamo una piccola lista.

 

Ecco le cose che non ti fanno stare bene

In ogni casa e in ogni ambiente di lavoro ci sono degli oggetti che con la loro presenza possono renderti nervoso o infelice.

Per esempio:

  • le foto dei defunti: tienile dentro un album, lontano dagli occhi, sul telefonino o in un archivio digitale. La costante esposizione non è positiva.
    Dopo qualche tempo (fra 2 e 12 mesi) l’effetto dell’eliminazione risanante si stabilizza. La foto è sempre un testimone, mantiene un legame con l’energia del trapassato. Il caro defunto resta “diversamente vivo” in casa nostra, ma è meglio che sia vivo solo nel ricordo.
  • vecchi mobili. Sbarazzati dei vecchi mobili in prima battuta, quelli che sono irrecuperabili o che sono stati in altre case o uffici. Puoi anche pensare di ripulirli per bene e fumigarli con salvia bianca essiccata.  Poi passa ai vecchi capi d’abbigliamento, chiedendoti per ognuno se quel capo ti serve veramente o ti dà gioia o un’emozione positiva.
    Se un oggetto rimane inutilizzato per un anno o per più anni, liberatene!
  • gli oggetti che conservono l’energia della morte: si tratta soprattutto delle cose dei defunti, degli animali impagliati, delle ossa (a meno che non siano state pulite e lavorate), delle pellicce. La tristezza non ha nulla a che fare con l’aura positiva di un ambiente.
  • le piante e i fiori finti: i fiori finti impolverati e mal tenuti vanno gettati! E anche le piante di plastica, forse belle ma piene di vibrazioni negative. Piuttosto tieni l’erba del prato in un vaso: meglio di una bella orchidea finta.
  • coltelli: è meglio non lasciarli sul tavolo di notte, perché portano via l’energia e fanno litigare.
  • le scope vecchie e sporche (se non sono naturali) sono considerate forti vampiri energetici.

 

Conserva solo cose che ti fanno stare bene! Il resto va eliminato

In generale elimina tutto ciò che ha buchi, macchie, che è consumato (vestiti strappati, irrimediabilmente macchiato, rotto). Perché conservi i vecchi collant, per anni, nei cassetti, mentre butti via senza rimorsi i fiori appassiti?

I vestiti che non usi da tanto tempo decadono e comunicano sensazioni negative. Quando indossi un abito vecchio, metti il profumo di tempi passati, ascolti una musica che ti porta alla mente vecchi ricordi richiami in vita il passato.

Si tratta delle ancore emotive: precisi segnali esterni (una canzone, un paesaggio, un profumo, un gesto) ci “bloccano” emozionalmente in uno stato ben preciso.

Tutti questi oggetti riportano in vita determinati ricordi che vengono riprodotti al contatto con l’ancora. E non parliamo solo di emozioni: ritornano anche i vecchi pensieri, sensazioni che avevamo vissuto. Il pensiero crea la vita, perciò abbi cautela di ciò che pensi.

 

Le cose che fanno stare bene sono quelle che ci danno sensazioni positive

Ciò che abbiamo in casa, per essere in armonia e in risonanza con noi, ci deve piacere.
Può accadere che alcuni regali ti mettano a disagio perché non ti risuonano e forse sono stati regalati senza i buoni sentimenti, per convenienza o per dovere.

Non tenere in casa quadri che non ti piacciono. I dipinti con musi di animali arrabbiati influenzano negativamente l’aggressività. Butta via quegli oggetti che hai comprato nei periodi negativi o che ti riportano alla mente ricordi spiacevoli.

L’oggettistica tribale o orientale (maschere, statuine, simboli) potrebbe avere una carica negativa, anche involontaria, quindi informati sempre mentre lo compri se è un simbolo di positività.
Inoltre, pulisci regolarmente gli specchi, non lasciarli impolverati. Gli specchi sono delle finestre che si aprono in altri mondi.

In cucina butta via i piatti non integri, scheggiati, sbeccati, in qualche modo rovinati. Secondo i nonni e i bisnonni le stoviglie di casa simboleggiavano il benessere della famiglia e la loro rottura avrebbe portato la perdita della salute. Non c’è ovviamente una correlazione dimostrata per questo, ma è bene comunque usare piatti integri.

Anche secondo i cinesi attraverso i piatti sbeccati in casa entra energia negativa.

Please follow and like us:
error

Leave a Reply